articolo8

Il Wagyū giapponese la carne più pregiata del mondo al Merano WineFestival XXV

Quest’anno al Merano WineFestival si potrà degustare la carne più pregiata del mondo: il Wagyū giapponese!

hidalgo_beef_tasting-01

Ogni giorno dalle 16:00 alle 16:30 nell’area Cooking Farm del Merano WineFestival potrete assaggiare quella che è considerata la migliore carne del mondo, grazie alla collaborazione del festival con il Ristorante Hidalgo a Postal vicino a Merano – l’unico ristorante fra Svizzera, Austria e in Trentino Alto Adige che ha dedicato un intero locale l’ “Hidalgo Beef Tasting” a questa prelibatezza – e con Ito Wagyu Japan, Wörndle Gran Chef e Beef Grill Rizzato.

hidalgo_beef_tasting-07 hidalgo_beef_tasting-04

Wagyū in giapponese significa “manzo”(gyū) e “giapponese”(wa). Circa il 90% degli animali che vengono venduti come Wagyū provengono dalla razza bovina Tajima, che fa parte della razza nera giapponese Kuroge Washu. La particolaritàdi questi manzi “autoctoni” risiede nel fatto che da secoli non sono stati mai incrociati. A caratterizzare questa carne sono la struttura finemente marmorizzata e il brillante grasso intramuscolare. È questo che rende la carne così tenera e fa sì che si sciolga naturalmente in bocca già a 25°C. Ed è qui che entra in scena il quinto gusto fondamentale. I giapponesi conoscono infatti oltre al dolce, l’aspro, l’amaro e il salato un ulteriore gusto: l’Umami. Un sentore che si ritrova nel saporito e succulento gusto della carne.

Leggenda vuole che i bovini Wagyū vengano massaggiati, bevano birra e ascoltino musica classica. Fuor di leggenda, però, i motivi per cui questa carne è la più tenera, pregiata e cara del mondo sono tanti. I manzi Wagyū, infatti, vivono in media tre volte tanto quanto i manzi tradizionali prima di essere pronti per la macellazione. A seconda dell’area geografica vengono tenuti al pascolo o in grandi stalle dalla pavimentazione morbida. I vitelli vengono allattati dalla madre per i primi tre mesi di vita e poi svezzati con foraggio composto da erba, paglia di riso, diversi cereali come mais, frumento e con fagioli di soia. Agli animali viene data da bere pura acqua sorgiva. Dopo 900 giorni di alimentazione e dopo aver raggiunto almeno 430 kg di peso corporeo, i manzi presentano una perfetta marmorizzazione. Ogni vitello, inoltre, è dotato di una “carta d’identità” che ne consente una totale tracciabilità.

wagyu

Durante il Merano WineFestival, la carne di Wagyū  verrà preparato secondo la filosofia dell’Hildalgo Beef Tasting: grigliata a 900°C nel Beef Grill. La particolarità di questo  sistema di griglia é che ogni carne conserva il proprio gusto, perché non viene „falsificata“ con quello della griglia al carbone o con salse o grassi. Inoltre la carne Wagyū viene servita calda e non caldissima per mantenere la sana parte grassa che altrimenti si scioglierebbe. La volontà è quella che sia la carne, tenera come il burro e unica nel gusto, ad essere la star e, per questo, viene servita così com’è, pura.

Il risultato è una che letteralmente si scioglie in bocca, provare per credere!

gran-chef-servixe