Behind the scenes: come nasce l’immagine di un evento

Il team Gourmet’s International ha scelto il tema della venticinquesima edizione del Merano WineFestival. In questo post, vi mostriamo tutte le prove grafiche e vi raccontiamo il percorso che ha portato a scegliere proprio questa immagine.

Più che scelta dell’immagine si è trattato di un lavoro di costruzione di senso della squadra Gourmet’s International, iniziato subito dopo il Merano WineFestival 2015.

Il tema del Merano WineFestival 2016 richiama lo stile Lempicka, molto apprezzato già durante l’edizione 2015 e uno stile che inserisce il carattere dal sapore agée del marchio Merano WineFestival nella contemporaneità.

Rispetto all’immagine della scorsa edizione, restano i toni caldi dell’autunno meranese – declinato in un prezioso bordeaux ciliegia sfumato-, la figura femminile, dalle forme più arrotondate – perché il consumo del vino è sempre più femminile e, sullo sfondo, la sede storica del Festival, il Kurhaus di Merano.

Logo, Forchetta e dettagli, sono dorati, per celebrare i venticinque anni della manifestazione.

La figura femminile ha avuto una evoluzione curvy, molto apprezzata dalle donne del team Gourmet’s 😉

Gonna lunga o corta? A palloncino oppure a ruota? E i colori del vestito? Anche l’abito della figura femminile ha avuto molte varianti: l’idea iniziale era quella di seguire il trend e utilizzare un pattern per arricchire l’immagine.

Successivamente si è deciso di optare per la monocromia del rosso ciliegia in diverse gradazioni, per richiamare l’immagine del Merano WineFestival 2015 e mantenere un continuum, rispettando le regole dell’eleganza che vogliono l’abbinamento di massimo 3 coloriOro, bianco, bordeaux – .

La gonna resta longuette, perchè Il Merano è un appuntamento importante che richiede un determinato dress code, ma non così pretenzioso da volere il lungo – se non per il tradizionale Gala inaugurale 😉 segnatevelo! –

Anche la scelta del numero romano XXV non è casuale, forse meno comprensibile dello spendibile e chiaro numero 25, ma decisamente più in linea con l’identità del marchio – anacronistica, elegante a tratti eccentrica… -.

L’idea è quella che l’occhio e la testa si soffermino proprio quella frazione di secondo in più che serve a “decifrare” il numero romano. Il font graziato sostiene il richiamo alla tradizione e al legame con la storia. Secondo Helmuth, anche alle Olimpiadi!

Per l’amministratore unico di Gourmet’s International, la società che gestisce tutta l’organizzazione degli eventi Merano Award, è importante che tutto il team coinvolto si riconosca nelle immagini scelte.

Nulla è lasciato al caso. 

Il percorso, pertanto, può essere un po’ lungo, soprattutto per chi deve interpretare spunti, osservazioni, richieste. Ne sa qualcosa la graphic designer Margherita Olivieri, che con pazienza, minuzia, genio e professionalità, cura anche quest’anno l’immagine del Festival. 

Di seguito (alcune) prove immagine Merano WIneFestival 2016 e, in basso, il tema ufficiale della venticinquesima edizione.

 

MWF2016

Immagine Ufficiale Merano WineFestival 2016